L’uniforme del re

Nel cruciale 1789, Stagnon si cimenta in questa “opera d’intaglio illuminato” (come recita il decreto di Vittorio Amedeo III) “sur les Uniformes des Troupes de Votre Majesté” e il risultato è memorabile.

L’età delle immagini e Immagini e progresso

Gli scritti raccolti in questo volume, per la prima volta tradotti in italiano, testimoniano la grande attenzione di Douglass per le trasformazioni sociali e scientifiche del proprio tempo. In particolare, Douglass vide

Note sullo stato della Virginia

Le Note sullo stato della Virginia, che qui presentiamo nella prima traduzione italiana integrale, sono un testo imprescindibile per comprendere la natura della società degli Stati Uniti d’America, ma anche per conoscere

I dilemmi della democrazia americana

Il libro presenta per la prima volta al pubblico italiano una selezione degli scritti di Thomas Jefferson, padre della Dichiarazione d’Indipendenza, terzo presidente degli Stati Uniti e ineguagliato profeta della democrazia americana.

Il nostro Enrique Irazoqui

Il Gesù di Pasolini: il ruolo per cui Enrique Irazoqui è stato ricordato tutta la vita. Allora – era il 1964 – non aveva ancora 20 anni. Per una serie di circostanze

Ricordo e presenza di un Maestro

Rinviato a data da destinarsi l’incontro inizialmente previsto per sabato 7 novembre, alle ore 17.00, nel Salone “Montecucco” del C.A.P.-Circolo dell’Autorità Portuale, in Via Albertazzi 3, a Genova, Gli Amici del Liceo

L’americano più fotografato dell’Ottocento

Frederick Douglass ha visto nella fotografia un formidabile strumento di emancipazione per i neri d’America e fu soggetto egli stesso di oltre centocinquanta ritratti, eseguiti nell’arco di tutta la vita. Douglass è

A Novi Ligure, i ricordi di Beppe Levrero

Venerdì 9 ottobre p.v., alle ore 17,30, presso il Museo dei Campionissmi, a Novi Ligure (AL), presentazione del volume di Beppe Levrero, Ricordi di un pittore. Da Bistolfi a Fontana, pubblicato dalla

Burle (legittime) del XVII secolo

La "Cicceide", autentico capolavoro della poesia burlesca ed enigmatica, poema maliziosamente allusivo e godibilmente osceno, uscì per la prima volta, illegittimamente, nel 1688, con attribuzione a Giovanni Francesco Lazzarelli da Gubbio, vissuto