Ricordi di un pittore. Da Bistolfi a Fontana

Beppe Levrero

a cura di Giuliano Levrero-Mara Parodi-Andrea Sisti

Primo esito di un complesso lavoro di catalogazione e studio condotto presso l’archivio del pittore Beppe Levrero, il libro presenta una serie di ricordi appuntati dall’artista su quaderni e fogli sparsi nel periodo 1975-1986, anno della scomparsa. Mantenendo intatte la freschezza e la vivacità dell’impressione che riaffiora e viene annotata di getto, queste memorie documentano un lungo itinerario umano e professionale, iniziato nella Torino degli anni Venti, che Levrero condivise con molti tra i maggiori protagonisti dell’arte italiana del secolo scorso, dai “maestri” Bistolfi e Bosìa a Carrà, da Martini a Fontana.
Completano il volume una scelta di meravigliosi disegni, tra i meno noti, e alcuni “pensieri sull’arte”, frutto di un inesauribile, appassionato impegno teorico, che affiancò fino all’ultimo la produzione pittorica e grafica del grande artista.


Acquista questo libro

Previous Story

L’opera iconografica di Theodore de Bry

Next Story

Dal vento al carbone. Le metamorfosi del lavoro marittimo in Italia nell’età della transizione (1880-1920)